Fungo Epigeo




Copyright & Limiti di Utilizzo & Privacy
Copyright © 2015-2025 by "S.I.S"  ·  All Rights reserved  ·  www.fungoepigeo.eu
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
La determinazione del fungo e la sua commestibilità vanno affidati a micologi certificati, nei centri di controllo degli enti sanitari (ASL). Informazioni errate o incomplete potrebbero recare danno con intossicazioni o avvelenamenti addirittura mortali.
Non azzardare il consumo di funghi, potresti mettere a repentaglio la salute e persino la vita tua e dei tuoi commensali.
BASIDIOCARPO alto 30-45 mm, con diametro di 20-50 mm, irregolarmente subgloboso; obpiriforme o largamente turbinato, da bruno cioccolato a bruno-giallastro; ricoperto da corti e minuti aculei brunastri con punte più scure, riuniti in placchette piramidali, talora frammisti a cerruche, abbastanza resistenti allo sfregamento, tuttavia detersi col tempo, non lasciano impronta areolata sull'endoperidio.
ENDOPERIDIO papiraceo, leggermente ruvido, presto liscio, bruno-nocciola oppure bruno scuro-bistro.
GAMBO più o meno tozzo e rastremato alla base, più pallido nei colori.
GLEBA soda, compatta nel giocane, bianca all'inizio; brunastra e polverulenta a maturazione.
SUBGLEBA inizialmente bianca, poi grigio-bruna, infine grigio-violetta, spugnosa e sterile. Sapore mite e odore caratteristico inizialmente gradevole di orzo tostato, ben presto nauseante.
MICROSCOPIA spore sferoidali, 4,6-5,6 prn; sovente con peduncolo più o meno breve, cerrucose, brunastre al MS. Sporata bruno-olivastra.
HABITAT in abetaie o in boschi di conifere miste, spesso in gruppi copiosi e non di rado con esemplari concresciuti, talora anche su residui bruciati; da fine estate a tutto l'autunno, abbastanza comune e largamente diffuso.
NOTE - Si tratta di una specie difficile da distinguere da esemplari colorati e giovani di L. molle che possono assumere connotati morfocromatici assai simili. L'odore caratteristico può costituire un elemento distintivo di un certo peso, tuttavia, la sua determinazione non può prescindere dalla verifica microscopica (spore peduncolate; non peduncolate in L. molle) e dal confronto della sporata in massa (bruno-olivastra in L. umbrinum, bruno-rossastra in L. molle).