Fungo Epigeo




Copyright & Limiti di Utilizzo & Privacy
Copyright © 2015-2025 by "S.I.S"  ·  All Rights reserved  ·  www.fungoepigeo.eu
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
La determinazione del fungo e la sua commestibilità vanno affidati a micologi certificati, nei centri di controllo degli enti sanitari (ASL). Informazioni errate o incomplete potrebbero recare danno con intossicazioni o avvelenamenti addirittura mortali.
Non azzardare il consumo di funghi, potresti mettere a repentaglio la salute e persino la vita tua e dei tuoi commensali.
CAPPELLO 60-120 (150) mm, emisferico, quindi convesso, infine disteso-appianato; percorso radialmente da fitte e fini fibrille, sovente ricoperto da lembi membranacei bianchi; residui del velo generale; di colore verdastro, verde olivastro, giallo-bruno verdastro, più chiaro all'orlo che è liscio.
LAMELLE libere, ventricosette, fitte e sottili, piuttosto larghe, bianche.
GAMBO 75-120 (150) x 10-22 mm, progressivamente attenuato verso 1'apice, caratteristicamente decorato da bande disposte a zig-zag di colore giallo olivastro su fondo bianc, pieno, poi farcito-midolloso, bulboso alla base dove è ricoperto da una
VOLVA a sacco, membranacea, abbastanza sottile, aderente al bulbo ma libera all'orlo dove, di norma, è rotta in lacinie, bianca.
ANELLO posizionato piuttosto in alto, disposto a gonnellino, abbastanza sottile, bianco, più o meno persistente.
CARNE prima soda, presto molliccia bianca, appena sfumata di verdastro sotto la cuticola; da subinodora a un poco maleodorante; gli esemplari vetusti olezzano d'acqua putrida (acqua di fiori vecchia); sapore non significativo.
MICROSCOPIA spore da largamente ellissoidali a subglobose, 9-11,3 x 7-9 µm, amiloidi.
HABITAT fin dall'estate nei boschi di latifoglie (eccezionalmente di conifere) dove pare preferire querce, castagni e faggi, si spinge anche ad altitudini elevate dove di regola si associa col Nocciolo. Molto comune e diffusa.
NOTE - È la causa del maggior numero di decessi per avvelenamento da funghi. Viene (incredibilmente) scambiata con le Russule verdi dalle quali si distingue per una serie di caratteri di prim'ordine: la presenza di volva alla base del gambo, la presenza di anello, le lamelle libere, l'eterogeneità fra cappello e gambo, la decorazione a bande cangianti dello stipite, la carne non gessosa.
In natura si incontrano numerose varianti cromatiche, fino ad una forma completamente bianca, la fo. alba.